• Inglese
  • Russo

San Sebastiano

Il dipinto San Sebastiano appartiene al pennello di Perugino. È una delle versioni di un’opera simile eseguita su tavola di legno negli anni ‘90 del XV secolo. Questa creazione del maestro faceva un tempo parte della collezione d’arte del cardinale Colonna di Sciarra, ed ora è conservata al Museo del Louvre. Un’altra copia dell’opera, dipinta su tela, è stata realizzata solo in collaborazione con Perugino, e fa attualmente parte della collezione del Museo d’Arte di San Paolo, Brasile.

Riferimento storico

Non ci sono molte informazioni attendibili sui primi anni di studio di Perugino. Alcuni ricercatori suggeriscono che in gioventù abbia appreso le basi dell’arte della pittura nella piccola bottega di Fiorenzo di Lorenzo (1440-1525), un artista perugino. Durante la sua vita ad Arezzo, il suo maestro fu Piero della Francesca (1420-1492), la cui opera a sua volta fu influenzata da Luca Signorelli, uno dei pittori più importanti del suo tempo. Entrambi i maestri hanno indubbiamente determinato il vettore della formazione e dello sviluppo del giovane artista. Grazie agli insegnanti, i disegni di Perugino hanno acquisito sicurezza e chiarezza delle linee.

Le fonti documentarie confermano che nel 1472 il pittore visse e lavorò a Firenze. In questo periodo molto probabilmente lavorò nella bottega di Andrea del Verrocchio. Tra gli allievi del famoso pittore e scultore c’era il giovane Leonardo da Vinci. Una delle prime opere di Perugino, la cui paternità è fuori dubbio, è considerato l’affresco San Sebastiano, realizzato dall’artista per decorare la Chiesa di Santa Maria Maddalena a Cerqueto, nei pressi della città di Perugia. L’opera risale al 1478 e dimostra chiaramente lo stile già formato del pittore.

Le prime opere di Perugino erano caratterizzati da una struttura compositiva simmetrica. Per la prima volta questa tecnica è stata applicata dall’artista nella pittura murale della Basilica di Santa Maria Maddalena a Cerqueto: il martire Sebastiano si trova tra le figure dei Santi Rocco e Pietro. L’eroe si trova su un terrazzo, incorniciato da un bellissimo arco, squisitamente decorato con lesene e balaustre. Alla base della lastra di marmo è incisa un’iscrizione in latino: SAGITTAE. TUAE.INFIXAE. SUNT. MIHI. Questa è una citazione dal testo biblico, salmo 37, versetto 3: Poiché le tue frecce mi hanno trafitto e tu hai stabilito la tua mano su di me.

Lo sfondo dell’immagine è un grazioso paesaggio, che era una caratteristica della maggior parte delle opere del maestro. Sullo sfondo Perugino dipingeva le colline e montagne. Sul lato sinistro dell’opera lo spettatore vede un pilastro fatiscente e un arco danneggiato, che simboleggiano la distruzione delle idee pagane sull’universo.

Analisi del lavoro

La figura del martire, posta in corrispondenza della colonna, lo sguardo rivolto al cielo, la testa sollevata: tutti questi dettagli e l’immagine del santo stesso si ritrovano in un’altra opera dell’artista, realizzata per decorare l’altare della Basilica di San Domenico nella città di Fiesole. Il dipinto risale al 1493 e fa ora parte della collezione della Galleria degli Uffizi.

Già nel 1650 l’opera San Sebastiano era inclusa nella collezione del cardinale Borghese. Successivamente la paternità del dipinto fu attribuita a Perugino. Tuttavia, nel 1928, il critico d’arte italiano Roberto Longhi mise in dubbio questa versione.

Storia dell’opera

Secondo i ricercatori moderni, San Sebastiano presentato nella Galleria Borghese è una copia antica dall’opera originale di Perugino. Nella prima versione, le colonne situate sui lati destro e sinistro sono raffigurate non in modo frammentario, ma completamente, i loro pannelli frontali sono abbondantemente decorati con ornamenti intricati. Ci sono pure altre differenze: solo due frecce perforano la parte superiore del corpo del santo.

Borghese Gallery in Rome,

Autore: Perugino

perugino

Pietro Perugino (1446/1452 - 1523), vero nome – Pietro Vannucci, fu un rinomato pittore rinascimentale, un importante rappresentante della scuola pittorica umbra. Il famoso artista ha creato numerosi dipinti di temi religiosi, lavorando in diverse città. Lo stile caratteristico delle immagini che ha creato hanno avuto un enorme impatto sul lavoro degli artisti che hanno lavorato nell’Italia centrale alla fine del XV secolo. Le opere di Perugino erano caratterizzate da tratti che trovavano la loro espressione nelle arti visive dell’Alto Rinascimento. Il maestro è stato uno dei primi pittori italiani a utilizzare i colori ad olio nella pittura. Alcuni ricercatori sostengono che nel primo periodo del suo lavoro, dal 1470, Perugino studiò l’arte della pittura con Piero della Francesca. Insieme a Leonardo da Vinci, Sandro Botticelli e Domenico Ghirlandaio si formava presso la bottega di Andrea del Verocchio. Fu il maestro di Raffaello Santi. Negli anni 1480-1482 il maestro guidò un gruppo di artisti che dipinse le pareti della Cappella Sistina a Roma. Tuttavia, in seguito alcuni degli affreschi del Perugino, posti all’altare, furono distrutti per far posto al Giudizio Universale di Michelangelo (1535-1541).