Ritratto di Papa Giulio II

Il Ritratto di Papa Giulio II fu dipinto ad olio negli anni 1511-1512 dall’artista italiano Raffaello Santi, attivo durante il Rinascimento. Solo nel 1980 il dipinto che è conservato nella Galleria Borghese è stato certamente identificato come copia dell’originale di Raffaello, anch’esso appartenuto alla collezione Borghese fino al tardo XVIII secolo (oggi sta presso la National Gallery di Londra). Rispetto all’originale, il quadro Borghese presenta un chiaroscuro più netto.

Riferimento storico

Il Ritratto di Papa Giulio II, creato da Raffaello, era un pezzo di pittura piuttosto insolito per l’epoca. Il lavoro del maestro ha influenzato gli altri artisti che in seguito hanno rappresentato i pontefici.

Fin dall’inizio il dipinto divenne un ornamento della decorazione interna della Basilica di Santa Maria del Popolo; nei giorni festivi veniva appeso alle colonne del tempio sul lato dell’edificio dove passava la strada principale da Nord dell’Italia a Roma. L’autore delle famose Biografie, Giorgio Vasari, che ha creato la sua monumentale opera d’arte molti anni dopo la morte di Papa Giulio II, ha osservato, descrivendo l’opera di Raffaello, che il ritratto del Papa era così realistico e credibile da entusiasmare chiunque lo guardasse, perché la persona raffigurata sembrava viva.

Esistono 11 copie del ritratto. Per molti anni il dipinto raffigurante Papa Giulio II, conservato alla Galleria degli Uffizi a Firenze, è stato considerato un originale o una replica d’autore creata dall’originale, ma nel 1970 i critici d’arte hanno messo in dubbio questo punto di vista. La prima versione dell’opera, come molti ricercatori ora credono, si trova nel Regno Unito alla National Gallery di Londra.

L’opera presentata alla Galleria Borghese è quindi una copia del celebre ritratto. Il dipinto originale fu realizzato da Raffaello negli anni 1511-1512 per decorare l’interno della Basilica di Santa Maria del Popolo a Roma. Nel 1591 il cardinale Sfondrato rimosse il ritratto di Papa Giulio II. Dopo qualche tempo, l’opera del maestro fu venduta all’imperatore Rodolfo II.

Nel 1608 il dipinto, insieme ad altri 69 opere, fu acquistato dal cardinale Scipione Borghese. Comunque la menzione documentaria dell’opera risale solo al 1787. Il dipinto fu anche inserito nell’elenco delle opere indicate nel fascicolo ereditario del 1833, e quindi la paternità della copia fu attribuita a Giulio Romano, da cui si può concludere che il Ritratto di Papa Giulio II entrò a far parte della collezione della Galleria Borghese in un periodo successivo.

Analisi dell’opera

Le dimensioni dell’opera: 101 x 83 cm.
Il pontefice è raffigurato di profilo, con un giro di tre quarti a destra, è seduto su una poltrona, vestito con un mantello e con un berretto di velluto in testa. Prima della comparsa del capolavoro di Raffaello, l’iconografia dei ritratti dei pontefici era un po’ diversa: gli artisti posizionavano le figure frontalmente, rigorosamente di profilo. L’immagine del Papa interpretata dal maestro sembrava molto “insolita” per i suoi tempi. Raffaello ha interpretato così abilmente Giulio II che lo spettatore può facilmente sentire l’umore speciale del protagonista.

Lo psicologismo e la penetrazione nel mondo interiore di una persona, così insolita per le immagini tradizionali dei pontefici dei predecessori di Raffaello, divenne una sorta di standard, per gli artisti degli anni successivi, come Sebastiano del Piombo e Diego Velazquez. Così, il maestro è riuscito a cambiare i canoni della ritrattistica, che si erano sviluppati nel corso di circa due secoli.

Raffaello lavorò alla realizzazione del ritratto dal giugno 1511 al marzo 1512. In quel periodo il pontefice si lasciò crescere la barba in segno di lutto per la città di Bologna, persa a causa della guerra. Al pennello del maestro appartengono pure altri ritratti di Giulio II. Per esempio, negli affreschi delle famose stanze di Raffaello in Vaticano. Nella Messa a Bolsena, il pittore ha dipinto Giulio II (raffigurato con la barba) e la sua figlia illegittima, Felice della Rovere, una delle donne più influenti del Rinascimento. I ricercatori notano l’eroe con i lineamenti del viso dello stesso Raffaello in un’altra opera del maestro: nell’affresco Scuola di Atene, che adorna la Stanza della Segnatura.

Patronato del pontefice

Papa Giulio II ordinò a Raffaello di dipingere il suo ritratto, così come il dipinto Madonna del velo. Entrambe le opere avevano lo scopo di decorare l’interno della Basilica di Santa Maria del Popolo. Quando il ritratto di Papa Giulio II fu pronto, è stato subito appeso nella chiesa. Per otto giorni le folle dei cittadini si radunavano nella basilica, ansiose di vedere il capolavoro del maestro.

Entrambe le opere di Raffaello hanno dimensioni simili e sembra che siano state create per completarsi a vicenda. Sia la Madonna del velo che il Ritratto di Papa Giulio II si distinguono per un formato verticale, inoltre, i protagonisti dei dipinti sembrano immersi nella stampa calcografica, e il loro sguardo sembra distante. Le opere del maestro furono affiancate ai lati dell’altare in una delle cappelle della Basilica di Santa Maria del Popolo. Tuttavia, nel tempo l’opera con l’immagine della Madonna è passata nelle mani di un altro proprietario. Al momento, questo capolavoro si trova in Francia, nella città di Chantilly, ed è incluso nella collezione del Museo Condé.

Collezione della famiglia Borghese

Comunque sia, nel 1693 entrambi i dipinti facevano parte della collezione d’arte della famiglia Borghese. La prova di questa versione sta nelle piccole cifre del numero di inventario 118 situato nell’angolo inferiore sinistro del Ritratto di Papa Giulio II, che ora si trova a Londra. I segni speciali erano nascosti sotto lo strato di vernice superiore. I ricercatori hanno scoperto il numero nel 1969 utilizzando i raggi X. Il ritrovamento è diventato una delle principali conferme che il capolavoro della collezione della National Gallery di Londra è la prima di tutte le versioni esistenti del dipinto. Inoltre, l’opera è pienamente coerente con la descrizione del Ritratto di Papa Giulio II presentato nel catalogo delle opere d’arte conservato al Palazzo Borghese a Roma, e compilato nel 1693.

I ricercatori suggeriscono che tra il 1794 e il 1797 la creazione del maestro cessò di far parte del tesoro della famosa famiglia principesca. L’ubicazione del Ritratto di Papa Giulio II rimase sconosciuta fino al 1823, quando il dipinto finì nella collezione privata dell’imprenditore inglese, filantropo e appassionato d’arte John Julius Engerstein. Nel 1824, la National Gallery di Londra acquisì il quadro. Nel primo catalogo del museo era indicato che il dipinto apparteneva a Raffaello, ma un secolo dopo l’affermazione della paternità fu nuovamente messa in discussione.

Borghese Gallery in Rome,

Autore: Raffaello

Raphael

Raffaello Santi da Urbino (1483-1520), noto come Raffaello, è stato un pittore, grafico e architetto italiano dell’Alto Rinascimento. Le sue opere sono famose per la loro chiarezza di forma e le proporzioni perfette. Insieme a Michelangelo e Leonardo da Vinci, forma la trinità convenzionale degli incredibili maestri di quel periodo.