• Inglese
  • Russo

Venere e Amore che reca il favo di miele

Venere e Amore che reca il favo di miele è dipinto ad olio da Lucas Cranach il Vecchio, uno dei più brillanti artisti tedeschi del Rinascimento, che studiò con i maestri della scuola di pittura fiamminga. L’opera è stata realizzata nel 1531.

I critici d’arte conoscono almeno 20 opere con lo stesso nome, realizzate da Lucas Cranach e i suoi allievi che hanno lavorato nella sua bottega.

Presumibilmente, il primo dipinto che risale al 1527, fa parte di una collezione d’arte di proprietà del mecenate scozzese Sir William Burrell, e si trova a Glasgow, nel museo statale che porta il nome del fondatore della collezione. L’ultima opera Venere e Amore che reca il favo di miele fu completata nel 1545. Le figure degli eroi sono raffigurate in pose diverse e anche alcuni altri dettagli del lavoro si differiscono.

Secondo gli esperti del New York Metropolitan Museum, un gran numero di copie parla dell’incredibile popolarità del dipinto, considerato la creazione di maggior successo del maestro.

Riferimento storico

L’opera Venere e Amore che reca il favo di miele si riferisce alle prime opere di Cranach, create sulla base di una trama mitologica. Inoltre, per la prima volta nella storia dell’arte tedesca, le figure di Venere e Amore appaiono completamente nude.

L’interesse dell’artista per la mitologia è stato forse dettato dalla popolarità delle idee umanistiche, le cui origini risalgono ai tempi antichi. La raffigurazione dei corpi nudi è giustificata dal contesto dell’antica etnografia. D’altra parte, guidato dalle sue idee piuttosto rigide sulla moralità e sui confini della decenza, Cranach pose sul quadro un breve verso moralizzante in latino. Il significato delle parole citate dall’artista è il seguente: È necessario rifiutare con ogni mezzo la concupiscenza di Amore, affinché Venere non si impossessi dell’anima accecata dal desiderio.

Nella soluzione compositiva dell’immagine, si avverte l’influenza del maestro tedesco Albrecht Dürer.

L’opera Venere e Amore che reca il favo di miele, entrata nella collezione d’arte della London National Gallery nel 1963, è probabilmente la prima opera di una serie delle copie dell’autore. Nonostante Cranach non abbia indicato la data del dipinto, gli storici dell’arte lo attribuiscono al 1526-1527. A differenza di altre opere di un periodo successivo, questa versione è stata dipinta con grande cura e scrupolosità. Il maestro ha prestato attenzione ai minimi dettagli. Anche le dimensioni dell’opera differiscono, sono molto più grandi delle altre, l’unica eccezione è un’immagine simile nel formato, creata dall’artista durante il periodo in cui visse e lavorò nella città di Guestrow. In questo caso gli eroi dell’opera Venere e Amore che reca il favo di miele sono presentati a grandezza naturale, il quadro è conservato alla Galleria Borghese, a Roma. Il dipinto è stato creato nel 1531.

Un’opera simile, Venere e Amore, in cui Cranach ritrae per la prima volta le immagini delle antiche divinità romane che paternalizzano l’amore, risale al 1509. Il dipinto è incluso nel tesoro dell’Ermitage, un famoso museo di San Pietroburgo.

Descrizione del dipinto

L’opera Venere e Amore che reca il favo di miele è dipinta in modo incredibilmente abile e sottile, superando molti artisti nell’abilità di eseguire altre opere simili di argomenti simili. Secondo la trama della mitologia antica, l’ingenuo Amore, cercando di rubare i favi con il miele, fu punto dalle api. Soffrendo di punture dolorose, il piccolo dio paternalistico dell’amore erotico si rivolse a Venere per conforto. Il tema si riflette in una delle opere di Teocrito (III secolo a.C.). L’artista ha citato le linee di una poesia di un autore greco antico, sono visualizzate nell’angolo in alto a destra dell’immagine:

DUM PUER ALVEOLO FURATUR MELLA CU [PIDO]

FURANTI DIGITUM CUSPIDE FIXIT APIS

SIC ETIAM NOBIS BREVIS ET PERITURA VOLUPTA [S]

QUA [M] PETIUS TRISTI MIXTA DOLORE NOC [ET]

La quartina, che è una traduzione latina del testo di Theoktyr, recita: Quando Amore salì nell’alveare e rubò il favo, l’ape punse il dito del ladro, come un piccolo dio, stiamo cercando una passione fugace che si rivela triste, distruttiva e di sapore amaro.

Successivamente, nella stessa parte dell’opera, furono aggiunti dei numeri che indicavano la data di creazione del dipinto – 1531, così come le iniziali dell’artista sotto forma di un segno raffigurante un drago. I ricercatori sono ancora persi in congetture e non trovano una risposta alla domanda su cosa siano le lettere W.A.F. scritte dal maestro su una retina dorata che adorna il capo della dea dell’amore.

Analisi del dipinto

Nel dipinto di Lucas Cranach, Venere appare completamente nuda, con pieghe appena percettibili di un velo trasparente raffigurato sul suo corpo nudo.

L’eroina fissa lo sguardo sullo spettatore. Le linee aggraziate e fluenti della figura femminile rappresentano le caratteristiche delle statue antiche classiche. Con un pennello sottile, l’artista ha accuratamente dipinto ogni crepa nella corteccia dell’albero, così come le piume sulle ali di Amore.

L’opera racchiude un profondo significato allegorico: la passione è fugace e finisce inevitabilmente nel dolore, questa è la sensazione provata dal piccolo dio dell’amore carnale morso dalle api, soccombendo alla tentazione di assaggiare il miele di qualcun altro. L’artista sembra voler dire che le immagini dei suoi eroi dovrebbero essere considerate dal punto di vista della moralità. L’amore appassionato e divorante non porta altro che dolore e sofferenza. L’iscrizione moralizzante nel quadro potrebbe essere stata di consolazione per il cardinale Scipione Borghese, il quale, essendo un rappresentante dell’alto clero, fu privato delle gioie dei piaceri carnali.

Borghese Gallery in Rome,

Autore:  Lucas Cranach il Vecchio

Lucas Cranach the Elder

Lucas Cranach il Vecchio (1472-1553), pittore e artista grafico del Rinascimento tedesco. Fu il pittore di corte della Sassonia per la maggior parte della sua carriera ed è noto per i suoi ritratti sia dei sovrani tedeschi che dei pionieri della trasformazione protestante, il cui lavoro ha ricevuto entusiasmo. Uno dei suoi amici più cari era Martin Lutero. Cranach ha dipinto i soggetti religiosi, prima nel quadro della tradizione cattolica, e successivamente ha cercato di trovare altri modi per trasmettere gli interessi religiosi luterani nell’arte. Nel corso della sua carriera ha dipinto oggetti di nudo tratti dalla mitologia e dalla religione.