• Inglese
  • Russo
  • Francese
  • Tedesco

San Girolamo di Caravaggio

L’opera San Girolamo è un dipinto ad olio su tela creato dall’artista italiano Michelangelo Merisi da Caravaggio tra il 1605 ed il 1606.

Composizione

Il dipinto raffigura San Girolamo, uno dei maestri della Chiesa, venerato nella tradizione del cattolicesimo romano. Gli artisti di epoche diverse si sono spesso rivolti all’immagine dell’asceta. Caravaggio ha raffigurato l’eremita cristiano pure in altre sue tele, ad esempio nell’opera San Girolamo in meditazione (situata nel monastero di Montserrat, Barcellona). Una certa disattenzione nel trasferimento della barba dell’eroe, nei contorni dei libri e nelle pieghe del mantello fanno pensare che il pittore avesse fretta nella realizzazione della sua opera.

Alcuni storici dell’arte credono che quest’opera sia incompiuta.

Riferimento storico

San Girolamo è stato creato per il cardinale Scipione Borghese nel XVII secolo. Il famoso storico, biografo e critico d’arte, Giovanni Pietro Bellori, affermò nel suo libro La vita di artisti, scultori e architetti contemporanei, pubblicato nel 1672, che la tela di Caravaggio entrò nella galleria della famosa famiglia principesca a metà del XVII secolo.

Nel 1693 San Girolamo viene attribuito al Caravaggio. Tuttavia, dal 1790 negli ambienti della critica d’arte ci sono stati suggerimenti che il dipinto apparteneva al pennello del pittore spagnolo José de Ribera, ma in seguito questa versione è stata riconosciuta come infondata. La maggior parte dei ricercatori afferma che l’opera appartiene al periodo tardo del lavoro di Caravaggio e risale a circa il 1606.

Analisi del dipinto

Il tema principale dell’opera è la ricreazione della scena in cui il santo siede a tavola con calma e concentrazione, lavorando sul testo sacro. La pelle chiara e i capelli grigi contrastano nettamente con il colore rosso vivo del mantello in cui è avvolto il corpo del vecchio.

Nell’interpretazione di Caravaggio San Girolamo appare nei panni di uno scienziato, non di un uomo ascetico e retto. L’eroe si china sul tavolo, mentre la soluzione compositiva (l’inclinazione della testa del santo rispetto al teschio adagiato accanto) crea una sensazione dell’equilibrio. Il teologo della Chiesa è concentrato sulla lettura, mentre allo stesso tempo scrive con cura i passaggi del sacro testo biblico. Ogni dettaglio incarna l’idea della fragilità di tutti i valori materiali.

Sorprende il concetto dell’opera, rafforzato dalla composizione e dalla posa dell’eroe: la linea verticale della figura di un vecchio seduto, il più possibile immersa nei testi da lui creati, passa nell’orizzontale di una mano tesa raggiungendo un calamaio posto sul lato opposto del tavolo. Allo stesso tempo, la palma di San Girolamo, che stringe una piuma, sembra dirigere lo sguardo degli spettatori verso il teschio, un ricordo della morte e del decadimento della vita terrena.

La disposizione degli oggetti dà origine alla simmetria che nasconde un significato profondo: la superiorità della santità sulla fragilità.

La vita del santo

Come i protestanti che cercavano di tradurre la Bibbia nelle lingue di diverse nazioni per rendere disponibile la Parola di Dio a un maggior numero di credenti ordinari, la Chiesa cattolica decise di canonizzare il testo latino della Sacra Scrittura, creato alla fine del IV secolo da San Girolamo, l’uomo più colto del suo tempo, che conosceva bene la letteratura antica e cristiana.

È stato battezzato da adulto. Il capo della Chiesa cattolica romana ha benedetto San Girolamo per tradurre i testi del Nuovo e dell’Antico Testamento dal greco al latino. Fu elevato al sacerdozio e divenne il vescovo di Roma. Come altri padri fondatori della Chiesa, ha combattuto contro gli eretici che calpestavano il culto dei santi, sostenevano le restrizioni all’uso della lingua latina nei testi teologici e paragonavano l’istituzione del papato agli atti della meretrice babilonese. Non sorprende che il dipinto San Girolamo piacesse al cardinale Scipione Borghese e finisse nella sua collezione d’arte.

Nella pittura religiosa risalente al periodo in cui la riforma della Chiesa cattolica romana non è stata ancora eseguita, il teologo veniva spesso raffigurato con un leone e indossava un cappello rosso da cardinale. Con l’introduzione delle trasformazioni iconografiche si iniziò ad osservare una certa semplificazione, si ebbe la tendenza di rivolgersi alle fonti, come testimonia la pia immagine realizzata dallo scultore Gian Lorenzo Bernini nella sua opera San Girolamo, che ora si trova nel Duomo di Siena. Nel lavoro del maestro si leggono la severità, la moderazione e la tristezza.

Un vecchio magro, i cui tratti di aspetto possono essere rintracciati dal patriarca biblico Abramo, dall’evangelista Matteo e dall’apostolo Tommaso, siede in una cella, meditando sui manoscritti del testo delle Sacre Scritture; la sua mano destra è tesa ed è pronta a mostrare le prossime righe immortali. Ecco come appare l’eroe dal punto di vista di Caravaggio.

I maestri del Rinascimento come Antonello da Messina e Albrecht Dürer hanno ritratto Girolamo come un venerabile studioso che lavora in una stanza riccamente decorata. Caravaggio ha collocato il suo eroe in un ambiente che sembrava il più austero possibile. La luce intensa sottolinea la muscolosità delle sue mani stanche, e il parallelo ben visibile tra il capo chino del santo e il teschio disteso sul tavolo parla parlano, da un lato, della mortalità dell’uomo e, dall’altro, dell’eternità della Parola di Dio.

Borghese Gallery in Rome,

Autore: Caravaggio

Caravaggio

Michelangelo Merisi da Caravaggio, meglio noto come Caravaggio (1571-1610), è stato un pittore italiano considerato uno dei principali creatori della pittura moderna. Le sue opere combinano una percezione realistica della condizione umana, sia fisica che emotiva, con l’uso drammatico dell’illuminazione che ha avuto un profondo impatto sulla pittura barocca.